Macroforatura ad aria compressa di polipropilene e politene

La macroforatura si differenzia dalla microforatura per il diametro dei fori applicati ai film, maggiore in modo da consentire una traspirazione più adeguata ed è per lo più utilizzata nel settore ortofrutticolo e florovivaistico.

Il foglio di bobina, opportunamente tagliato a misura, viene inserito all’interno del complesso macroforante e lavorato con fori che possono raggiungere da 6 mm di diametro.

Il grande diametro dei fori si rende particolarmente indicato per tutte le tipologie di prodotti freschi, in particolare per quelli di facile deperibilità (insalata, verdura, frutta fresca e ortaggi) ne consente un’adeguata ventilazione che ne preserva le caratteristiche chimico­ fisiche e il loro buon mantenimento.

Il foglio macroforato, così lavorato, si presenta adatto alla formazione di copertine, flow pack e sacchetti, in varie forme e dimensioni con diversi tipi di ventilazione in adeguamento al loro utilizzo.

I fogli macroforati hanno un ottimo utilizzo anche nel settore florovivaistico, ambito in cui hanno un’ottima resa per la realizzazione di film plastici per la pacciamatura e imballaggi flessibili per fiori e piante.

In base al diametro dei fori applicati al film plastico, si distingue il processo di micro e macroforatura.
La microforatura, che avviene sotto la pressione di sottilissimi aghi applicati ai rulli del complesso forante, è per lo più indicata per l’imballaggio dei prodotti alimentari e di tutti i prodotti che necessitano di traspirazione costante, anche in seguito al confezionamento, per un ottimo stato di conservazione del prodotto.